1945-50 immigrazione degli italiani in Australia

AU3.jpgDurante la Seconda Guerra Mondiale, più di 18.000 prigionieri di guerra italiani sono stati inviati ai campi di internamento in  l’Australia.

Se all’inizio l’internato era visto come il “nemico straniero”, dopo il 1942 un gran numero di essi sono stati impiegati in aziende agricole, senza molta sorveglianza.

In quegli anni molti prigionieri hanno lavorato sodo negli allevamenti bovini e nelle fattoria, in modo da ottenere un giudizio positivo da parte dei  datori di lavoro australiani.

Questa circostanza ha contribuito a generare un ambiente più favorevole per la migrazione italiana del secondo dopoguerra.

Dopo il conflitto, l’atteggiamento degli australiani nei confronti italiani gradualmente è iniziato a cambiare con il crescente apprezzamento della loro importanza per lo sviluppo economico.leggi tutto

1945-50 immigrazione degli italiani in Australiaultima modifica: 2013-11-11T19:40:27+00:00da storia60a
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento